Monthly Archives: gennaio 2013

Buoni propositi per il mutuo

Questa è una proposta personale per la risoluzione della crisi economica che nel 2013 sarà peggiore che nel 2012.
Un prodotto che per il momento sta andando molto è l’antipolitica, l’anticasta ecc. Grillo ne è il distributore più attrezzato al momento, Berlusconi ci si è messo da poco anche se sicuramente con le sue note doti commerciali farà ancora una volta strada.
Ora, non so se sono in ritardo perché non conosco le procedure per salire su questo treno, ma quello che mi propongo di fare nel 2013 per risolvere questa grave crisi economica, non tanto a livello mondiale o nazionale, quanto più che altro a livello personale, è di avvicinarmi al M5S, abbracciarne tutte le innovative idee politiche, ma soprattutto economiche ed ancor di più scientifiche, (perdonatemi se non specifico quali, il fatto è che finora non le ho mai conosciute, né mi ci sono informato, frenato dall’odioso pregiudizio che si tratti di cazzate colossali), dopodiché farmi un nome su internet come anticasta, risolutore di problemi dell’inquinamento grazie alla Biowashball, ecc. e finalmente candidarmi con Grillo. Se va bene intendo al parlamento, se va male qualcosa di più locale. Per l’ora delle elezioni, lo sanno anche i gatti che Grillo si sgonfia, però, insomma, qualche 7% lo prenderà ancora. Hai mai visto che siccome vengo dalla società civile, non sono mai stato implicato in corruttele né maneggiamenti vari tipici di quelli che combinano qualcosa di produttivo, (infatti la mia bassa statura socio-economica mi ha sempre impedito di essere coinvolto in qualsivoglia progetto importante), dunque dicevo ho buonissime chance di passare per società civile, poi capisco qualcosa di ambiente… e insomma, qualcosa lo si inventa.
Ora però non è finita. Grillo come leader fa ridere. E’ un agitatore, un chiacchierone, un comico, (che apprezzo), ma una volta che sarò in parlamento staremo tutti così senza sapere che pesci pigliare, senza un comando, senza soprattutto una strategia politica – chè per fare politica ci vuole una strategia politica e, (addirittura), bisogna saper fare politica. Allora a quel punto viene il bello: mi arriva Berlusconi e mi si compra con 4 soldi, (cioè, 4 soldi per lui, ma per me sono una bella cifra intendo). Se poi la legislatura dura un po’ mi becco anche la pensione/vitalizio. Pensateci, è una strategia vincentissima: il mutuo della casa l’ho sistemato, poi magari un paio di giorni alla settimana me ne sto a Roma a cazzeggiare.

Se invece la cosa va per le lunghe, magari scelgo un’altra strategia: partecipo imperterrito a tutte le sedute parlamentari, (sempre di due giorni alla settimana a Roma si tratta), presento due disegni di legge di cui non frega un cazzo a nessuno, ma impossibili da contestare, (il mio idolo Scilipoti ad esempio: http://parlamento.openpolis.it/atto/documento/id/59830). Poi quando è ora di rimescolare le carte, cioè – finalmente – che mi arriva Berlusconi coi 4 soldi, oppure si scioglie tutto il gruppo parlamentare per conclamata incapacità, oppure si va ad elezioni e tutti noi grillini dobbiamo ritornare al paesello, insomma, se va per le lunghe e poi si arriva al dunque, mi presento come uno che almeno ha sempre partecipato, si è interessato, ecc. Ovviamente nel frattempo mi oppongo a matrimoni gay, ICI alla Chiesa e insomma, mi avete capito cerco almeno di non dare fastidio a chi comanda. Hai visto mai che scrocco anche la seconda legislatura…

Vedrete, vedrete, altro che schifo, questa è la strada, e non dite che non ve l’avevo detto.